Una Miss in Accademia

Una Miss in Accademia
Claudia Tosoni: dai banchi dell’Accademia a Miss Italia

Claudia Tosoni non è solo bella, ha tutte le carte in regola per essere una bravissima attrice. È quello che desidera per sé, e in questi ultimi anni l’Accademia Togliani l’ha formata e le ha dato gli strumenti perché potesse raggiungere il suo scopo.

Ma non basta. Claudia dovrà attingere ancora e ancora a tutta quella pazienza, spirito di sacrificio, impegno e anche voglia di riuscire che l’hanno prima diplomata attrice, a luglio di quest’anno – dopo uno splendido saggio di fine anno al quale ha partecipato insieme ai suoi compagni di corso – e  che successivamente le hanno permesso di affrontare la sfida di Miss Italia, giungendo sotto i riflettori della serata finale di Montecatini Terme, davanti a milioni di italiani. Non è stato facile! L’esclusione dalla competizione in occasione della prima serata e il ripescaggio nella seconda, attraverso la giuria tecnica e accompagnate come sempre dalle parole di Fabrizio Frizzi. Deludenti nel primo caso, salvifiche nel secondo!

Crederci è il primo passo, l’impegno e la costanza rappresentano il successivo.

Complimenti Claudia, ti sei meritata di arrivare in finale, con la tua spontaneità, la tua decisione e la tua bellezza autentica. Ti sei meritata di assaporare la grande emozione di arrivare tra le tre finaliste e di accettare con umiltà e con quel sorriso che ti porterà lontano, il verdetto finale.

Hai ottenuto un grande risultato, il terzo posto a Miss Italia 2012 e siamo fieri di te.

Perché è sempre emozionante vedere  gli allievi quando spiccano il volo, quando inseguono i loro sogni, di cui ci hanno reso partecipi, affrontando paure e dubbi. Non solo Claudia, ma anche i suoi compagni di corso che stanno realizzando altrettante cose straordinarie per sé e il loro futuro e che ancora avranno modo di incontrarsi, di raccontarsi e di confrontarsi come hanno fatto in questi ultimi due anni, che hanno visto nascere amicizie e sodalizi professionali. Perché gli anni di studio sono anche anni di lavoro, di occasioni e di opportunità, di fratellanza e di progetti comuni da inventare e da concretizzare insieme.

L’Accademia è anche questo.

Leggi

Tutti pazzi per il Re!

Tutti pazzi per il Re!
28 e 29 giugno 2012 gli allievi dell’Accademia Togliani  portano in scena il Saggio di fine anno

Roma. È la sera del debutto e  l’aria estiva della città eterna si mescola con l’emozione e la tensione degli allievi che, nella cornice del Teatro Arcobaleno, salgono sul palco in occasione della loro prima, vera prova dinanzi al pubblico.

Come ogni anno, da molti anni a questa parte, il lavoro svolto sotto la guida degli insegnanti nel biennio accademico fatto di studio, fatica e sacrifici, di crescita, obiettivi e soddisfazioni, trova la sua perfetta collocazione sul palco, svelando talenti e passioni.

Gli allievi del laboratorio hanno aperto la serata con la commedia “Senza Malizia” tratta da una novella  di Luigi Pirandello riadattata e diretta da Fabio Mureddu, mentre gli allievi del secondo anno, coadiuvati dalla partecipazione di alcuni allievi del primo anno, hanno rappresentato  “Tutti Pazzi per il Re” una commedia divertente, ricca di colpi di scena, ideata da Elena Tommasini e Adelmo Togliani e diretta da Adelmo Togliani.

Lo spettacolo si è concluso con una ricca coreografia ideata da Paolo Varriale e a cui tutti gli allievi dell’Accademia hanno preso parte.

Applausi a scena aperta e uno scrosciante applauso finale hanno accompagnato gli allievi in questa serata speciale, che si è ripetuta con il medesimo successo la sera seguente, proprio per inserire i ragazzi in una dimensione lavorativa teatrale e non solo, fatta di una “prima” e di una “replica”.

Con il supporto di Desy Togliani, instancabile Direttrice e con l’impegno profuso dal Presidente Adelmo Togliani insieme a tutti i docenti , anche quest’anno l’Accademia ha diplomato giovani talenti che possono affacciarsi, con gli strumenti più adatti, al mondo dello spettacolo.

Leggi

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.